Il Segretario del PD Magione Stefano Vinti e il Segretario Comprensoriale Sergio Batino all'apertura della campagna elettorale comprensoriale del Trasimeno  con i candidati Simona Meloni, Giacomo Leonelli, Giampiero Giulietti e Nadia Ginetti.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE IL NOSTRO PROGRAMMA. PIU' FORTE. PIU' GIUSTA. L'ITALIA.

DOCUMENTO CONGRESSUALE “PD MAGIONE”
PARTITO DEMOCRATICO UNIONE COMUNALE MAGIONE
 
 
Qual è il ruolo di un’organizzazione partitica oggi a livello locale? E qual è l’impegno di una forza politica democratica in una realtà di medie dimensioni della provincia italiana?
Il congresso è il momento fondamentale per rispondere a questi quesiti, aprendo un riflessione interna al partito – programmatica, organizzativa e metodologica – che si concluda con una proposta politica destinata alla comunità degli iscritti e all'intera cittadinanza.
L’Italia democratica, esempio per l’Europa e per il Mondo. Se l’Italia sta lentamente uscendo dalla grande crisi economica – pesante in tutto il mondo e da noi aggravata dall'esistenza di un enorme debito pubblico – lo si deve anche al Partito democratico. Il PD ha fatto da argine alle potenti sirene del populismo, fenomeno che tende a dare risposte semplicistiche ad un’opinione pubblica frustrata da anni di difficoltà economiche e sociali, proponendo a tutti i livelli elementi di innovazione politica. Mentre nelle altre potenze economiche mondiali si affermavano leader, partiti e programmi scelti sulla base di programmi conditi di demagogia, in Italia – seppur con compagini governative non omogenee e rette su maggioranze parlamentari mai certe – il PD è riuscito a invertire la rotta rispetto al baratro in cui l’Italia era precipitata nel 2011 e 2012, quando solo con un governo tecnico si è evitato il default pilotato come avvenuto per in Grecia (unico paese ad avere un rapporto debito/PIL più alto del nostro). Per queste ragioni – politiche, culturali e finanziarie – l’Italia democratica è un esempio per l’Europa e per il mondo.

Corriere dell'Umbria 19/11/2017 

In foto da sinistra: Luigi Bevagna, Michelangelo Grilli, Matteo Burico, Leonardo Miccioni, Stefano Vinti

Sottocategorie